10 ristoranti dove gettare l’ancora

Suggerisci i tuoi preferiti

Avete presente quelle tappe ‘da non perdere’ durante una crociera? Ecco quelle culinarie, raggiungibili a piedi dalla barca o direttamente sul porto!

– Marsiglia – Chez Fonfon Ogni porto del Mediterraneo puo’ vantare la propria ricetta speciale per la zuppa di pesce. Ma la zuppa di pesce DEFINITIVA resta sempre la Bouillabaisse. E Chez Fonfon è la vetta suprema di questo piatto. Come il sorriso beffardo di Fernando Rey, il Marsigliese de ‘Il Braccio Violento della Legge‘, che qui, furbescamente, pranzava.
– Montenegro – Stari Mlini. Elegante, raffinato, con pesce freschissimo e servizio di primissimo livello, non fate l’errore di indirizzare tutta la vostra cena sul polpo e i calamari perchè rischiate di restare sul posto per tutta la settimana.
– Palma de Mallorca – Bardia E’ imbarazzante quando a un piemontese è necessario il consiglio di uno scozzese per trovare una trattoria. Ma il Bardia è un posto nascosto, e da non perdere. Pura cucina maiorchina tra le viuzze del centro storico di Palma, anche al bancone, ovviamente in piastrelle. Il piatto da provare è, ebbene si, anche ad agosto, lo stinco di maiale in umido.
– Procida (Naples) – Caracalè Le famosissime cozze e i fritti di questa storica trattoria sono serviti a pochi passi dalle acque del delizioso porticciolo di Corricella, uno dei piu bei villaggi della zona, circondati dai bimbi che giocano e dai panni stesi ad asciugare sulle ringhiere dei balconi. Perchè a volte è bello vivere in un luogo comune.
– Ginostra di Stromboli – Puntazzo Ai tempi della nostra visita il cuoco era, curiosamente, scozzese, almeno in parte. Un’altra sua parte riusciva pero’ a creare spettacolari involtini di spada. Ma qui vince, su tutto, l’atmosfera. La terrazza sul mare, il rombo del vulcano sotto la sedia, le candele (non c’è luce elettrica), il silenzio, la brezza sul pergolato, le signore che danzano al suono di antichi mangianastri nel piccolo cortile della chiesa sottostante
– Trieste – Enoteca Marino – Una osteria classica per appassionati, piccolissima, molto nascosta, molto vera, molto popolare. Magari non troppo triestina, ma certo piena di rugbisti.
– Nizza –  Cafè de Turin Ci saranno certamente migliori ristoranti a Nizza, ma certamente non in quanto a frutti di mare. I plateau del Cafè sono una meta fissa, all’angolo di Place Garibaldi non lontano dal porto vecchio. Dall’ostrica al granchio reale, il vero paradiso per chi ama i crostacei (e ovviamente l’inferno dei crostacei stessi)
– Koskinou (Rodi) – Giannis – Ahimè per forza dovrete prendere il tassi per raggiungere il minuscolo paesino di Koskinou, a 7km da Rodi, ma vale il viaggio, troverete la quintessenza della taverna greca, la cucina della nonna, semplicemente perfetta.
– Palmezana (Hvar) – Meneghello – In un paese, la Croazia, che tarda non poco a rincorrere la gastronomia dei titolati vicini, Meneghello e’ un’istituzione locale, e non senza merito, anche se fa fatica, specie in stagione, a offrire piatti all’altezza del nome
– Porquerolles – Mas du Langoustier – Ok va bene, non è una trattoria. Una stella Michelin, nella baia dei tramonti a ovest dell’isola. Intorno a voi solo la vita delle piante e del mare Mediterraneo. E cibo preparato alla perfezione.

3 Commenti for “10 ristoranti dove gettare l’ancora”

Alessandro

dice:

avete dimenticato “la Marina” di Cala Feola a Ponza… e mi sembra una dimenticanza grave!
Buon lavoro!

Marco Rossi

dice:

Non è una dimenticanza, ma una mancanza! Appena ritorno dalle parti di Ponza ci vado! Grazie per la segnalazione 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *