Guida al charter 2016

Il Mediterraneo del 2016 è al centro dell’attenzione dei media non solo per le sue bellezze ma anche per i suoi problemi. L’antico crocevia del mondo è divenuta la rotta della speranza per migliaia di esseri umani che spesso seguono le usuali rotte dei croceristi e usano le stesse spiagge dei vacanzieri. Non sta a noi commentare questa vicenda epocale, ma è nostro dovere informare sulle conseguenze per i naviganti.

Grecia e Turchia

Durante l’autunno la rotta migratoria più usata è quella che passa tra la Turchia e la Grecia per le isole di Kos e Samos. Kos è stata specialmente colpita e, anche se i flussi sono drasticamente calati, molti armatori hanno spostato la flotta verso Atene. anche molte compagnie low cost hanno modificato i voli per dirigere il traffico verso Skiathos e Atene. Di conseguenza a tutto ciò sono notevolmente calati anche i prezzi di armatori tedeschi e francesi che lavorano in Turchia. Consigliamo quindi imbarchi nel sud della Turchia (Marmaris o Gocek) e navigazione tra Rodi e Kastellorizo. Oppure imbarchi ad Atene. 

DSCF2337

Sicilia

Le Eolie non sono certamente toccate dai flussi migratori, e solo occasionalmente le Egadi. I nostri skipper lo scorso anno hanno navigato anche a Pantelleria senza alcun problema, ma con la chiusura della rotta balcanica è difficile anticipare i flussi della prossima stagione.

Croazia

Il risultato più diretto della crisi attuale è stato il vero e proprio boom delle prenotazioni in atre località come la Croazia. Se avete intenzione di navigare nelle splendide isole della Dalmazia il consiglio è di prenotare quanto prima e approfittare dei nostri last minutes.

7

Altre destinazioni

E’ forse l’estate migliore per cambiare magari destinazione! Aggregati alla nostra flottiglia nel Baltico!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *